Pagine

venerdì 11 maggio 2012

Lettera a mio figlio, R.Kipling



Da queste parti, chi dice venerdì, dice poesia.
Il testo scelto oggi è di R.Kipling nelle traduzioni italiana e francese e nella versione recitata dalla splendida voce di Bernard Lavilliers.
Eccezionalmente, mi permetto una dedica personale: a Luca.

Ici, qui dit vendredi, dit poésie.
Le texte choisi aujourd’hui est de R.Kipling en traductions italienne e française mais aussi dans la version récitée par la voix splendide de Bernard Lavilliers.
Exceptionnellement, je me permets une dédicace personnelle : à Luca.


Si tu peux voir détruit l’ouvrage de ta vie
Et sans dire un seul mot te mettre à rebâtir,
Ou perdre en un seul coup le gain de cent parties
Sans un geste et sans un soupir ;

Si tu peux être amant sans être fou d’amour,
Si tu peux être fort sans cesser d’être tendre,
Et, te sentant haï, sans haïr à ton tour,
Pourtant lutter et te défendre ;

Si tu peux supporter d’entendre tes paroles
Travesties par des gueux pour exciter des sots,
Et d’entendre mentir sur toi leurs bouches folles
Sans mentir toi-même d’un mot ;

Si tu peux rester digne en étant populaire,
Si tu peux rester peuple en conseillant les rois,
Et si tu peux aimer tous tes amis en frère,
Sans qu’aucun d’eux soit tout pour toi ;

Si tu sais méditer, observer et connaître,
Sans jamais devenir sceptique ou destructeur,
Rêver, mais sans laisser ton rêve être ton maître,
Penser sans n’être qu’un penseur ;

Si tu peux être dur sans jamais être en rage,
Si tu peux être brave et jamais imprudent,
Si tu sais être bon, si tu sais être sage,
Sans être moral ni pédant ;

Si tu peux rencontrer Triomphe après Défaite
Et recevoir ces deux menteurs d’un même front,
Si tu peux conserver ton courage et ta tête
Quand tous les autres les perdront,

Alors les Rois, les Dieux, la Chance et la Victoire
Seront à tout jamais tes esclaves soumis,
Et, ce qui vaut mieux que les Rois et la Gloire
Tu seras un homme, mon fils

(traduction d'André Maurois) 



Se riesci a conservare il controllo
quando tutti intorno a te lo perdono e te ne danno la colpa,
Se puoi avere fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te,
Ma prendi in considerazione anche i loro dubbi.
Se sai aspettare senza stancarti dell'attesa,
O essendo calunniato, non ricambiare con calunnie,
O essendo odiato, non dare spazio all'odio,
Senza tuttavia sembrare troppo buono, né parlare troppo da saggio;

Se puoi sognare, senza fare dei sogni i tuoi padroni;
Se puoi pensare, senza fare dei pensieri il tuo scopo,
Se sai incontrarti con il Successo e la Sconfitta
E trattare questi due impostori allo stesso modo.
Se riesci a sopportare di sentire la verità che hai detto
Distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per gli ingenui,
O guardare le cose per le quali hai dato la vita, distrutte,
E piegarti a ricostruirle con strumenti usurati.

Se puoi fare un solo mucchio di tutte le tue fortune
E rischiarlo in un unico lancio di una monetina,
E perdere, e ricominciare daccapo
Senza mai fiatare una parola sulla tua perdita.
Se sai costringere il tuo cuore, nervi, e polsi
A sorreggerti anche quando sono esausti,
E così resistere quando in te non c'è più nulla
Tranne la Volontà che dice loro: "Resistete!"

Se riesci a parlare alle folle e conservare la tua virtù,
O passeggiare con i Re, senza perdere il contatto con la gente comune,
Se non possono ferirti né i nemici né gli amici affettuosi,
Se per te ogni persona conta, ma nessuno troppo.
Se riesci a riempire ogni inesorabile minuto
Dando valore a ognuno dei sessanta secondi,
Tua è la Terra e tutto ciò che contiene,
E — cosa più importante — sarai un Uomo, figlio mio!

8 commenti:

  1. Per ora posso solo immaginare le emozioni profonde che possono portare a scrivere parole così belle...
    E tu sai sempre scegliere versi che mi colpiscono a fondo.

    Buon venerdì Marilu!

    RispondiElimina
  2. la conoscevo, eccome se la conoscevo! Ma in francese ha un suono, una forza che la fanno sembrare diversa, più intensa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa volta, ho usato le traduzioni bell'e pronte e devo dire che quella francese ha davvero una marcia in più!

      Elimina
  3. E' bellissimo, emozionante, lo conoscevo, é proprio l'augurio che ogni mamma vorrebbe fare al proprio figlio, per ora cerco di trasmettergli questi valori con l'esempio, ma quanto é difficile, i nostri figli ci osservano e il miglior insegnamento é la pratica.
    Grazie per aver scelto questo pezzo e averlo condiviso, ciao elena www.tuttepazzeperibijoux.com

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte per i commenti, la vostra visita è sempre gradita

    RispondiElimina
  5. Questa lettera/poesia è sempre istruttiva. Riuscire a seguire anche solo la metà di quello che dice sarebbe già un bel traguardo...

    RispondiElimina